Centenario

SCARICA IL LIBRO DEL CENTENARIO

L’associazione quest’anno compie ben un secolo di storia. I festeggiamenti durano una settimana intera, per noi e per tutta la città.

Se la Croce Bianca si fa due conti…

Spesso le statistiche sono un arido conteggio, una impietosa sequela di numeri sostituita alla menzione di nomi, persone, gesti, ma nella loro scarna sinteticità esprimono a chiare cifre l’entità di un lavoro che richiede un impegno continuativo e lo richiede per buona parte a volontari, in cambio di gratitudine, una pacca sulla spalla, a volte neppure quello. Il milite si muove nell’anonimato; a volte si apre la via con il fragore di una sirena, a volte s’inserisce nel traffico e passa inosservato, c’è chi gli concede una precedenza e chi gliela nega. La consistenza numerica dei servizi effettuati dal popolo in divisa catarifrangente parla da sé, una volta tanto è più espressiva di molte parole.

Dal 1° Gennaio 2007 al 31 Dicembre 2011 si contano 96.399 servizi, una somma di 3.004.285 chilometri percorsi; 432.554 ore di guardia notturna e 155.496 di guardia festiva.

Siamo di fronte a numeri davvero imponenti, che lasciano immaginare lo sforzo richiesto in termini di uomini e mezzi. Un arido numero non basta a quantificare quanto è stato dato. A questi numeri un forte contributo è stato dato dall’attività delle Sezioni. Sempre pronte a coprire il proprio territorio ma anche ad essere un prezioso aiuto alla Sede madre. I militi della Croce Bianca di Albenga, sempre pronti e reperibili in ogni istante, meritano la massima gratitudine da parte di tutti. E è facile capire perché: basta fermarsi un istante a pensare. Noi, invece, ci fermiamo ad immaginare a cosa penserebbero della Croce Bianca del 2011 quei volontari che si prodigavano con i mezzi e gli strumenti di decenni fa. Ripensiamo agli sforzi immani di chi, con infiniti sacrifici, anche economici e personali, riuscì a raggiungere la cifra necessaria per l’acquisto di una barella a cavalli. E proprio questo pensiero che ci guida e ci spinge a fare sì che i mezzi e tutte le attrezzature rivolte al soccorso ed al trasporto degli ammalati, siano costantemente efficienti e della migliore qualità. Tante volte ci è capitato di ascoltare persone,magari venute da lontano, incuriosite sul grande dispiegamento di mezzi della Croce Bianca. Le cifre qui sopra sono la più chiara e forte risposta ad ogni interrogativo in merito.

L’associazione quest’anno ha inaugurato, per festeggiare: un centro mobile di rianimazione Fiat Ducato, un’automedica Ford Focus, un’unità mobile di soccorso Fiat Ducato, un Volkswagen Transporter Sincro e un Land Rover 110 mezzo di soccorso speciale.